Quanto sembrano lontani metodi di allevamento come la transumanza quando si sfogliano le ultime ricerche riguardanti il mondo della zootecnia.

Ne è un esempio uno studio relativo alle terre adibite a pascolo, il quale tramite la spettroscopia nel vicino infrarosso è andato ad analizzare la quantità di proteine fornite dall’unità di erba al variare dell’altezza della pianta.

Quando prima si parlava di chilometri adesso sempre più si parla di centimetri, al posto di grandi numeri che rappresentano le mandrie adesso il bestiame si gestisce un individuo alla volta.

E non si parla solo di alimentazione, nuove tecnologie di riconoscimento permettono il controllo di ogni variazione capo per capo.

Tornando ai pascoli, essi possono essere fondamentali per un’azienda che vuole essere talmente all’avanguardia da riuscire a ricreare un agroecosistema con tutte le sue caratteristiche naturali: un’integrazione zootecnia-agricoltura che garantisca la massima efficienza corrispondente al massimo rispetto dell’ambiente.

Ovviamente questa massima semplicità e naturalezza non si può ottenere senza investimenti, avendo già accennato in precedenza ai moderni mezzi tecnologici come i soli strumenti in grado di analizzare queste micro-differenze che comportano macro-cambiamenti negli allevamenti.

Ma innovare è l’unico modo per arrivare a dire che l’erba del vicino non è sempre più verde e la Banca si offre come partner finanziario tramite il Prestito Agrario di DOTAZIONE.

Scopri il Prodotto

Chiedi un appuntamento con la Banca

Nome *
Cognome *
Email *
Telefono

Seleziona la Banca *

Come possiamo aiutarti?

Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA. Privacy Policy e Terms of Service di Google.