Un prodotto fondamentale dell’agroalimentare italiano quale è il vino ha portato nel corso degli anni, anzi secoli, allo studio di tutte le caratteristiche di questo prodotto, dalla pianta fino alla singola bottiglia.

Proprio dalla vite arriva una delle ultime novità della ricerca, una scoperta che se da ipotesi divenisse realtà cambierebbe il mondo della viticoltura.

La possibile svolta contro le malattie della vite

È stato, infatti, testato un vaccino che avrebbe prodotto risultati fortemente positivi contro due mali, uno tradizionale e uno che invece arrivato da poco a colpire la vite.

Si tratta del fungo botrite e della Cimice asiatica, due dei peggiori nemici dell’uva da vino.

Le sperimentazioni andranno avanti fino all’Estate per espandere e rafforzare questi primi dati raccolti.

Se si arrivasse alla commercializzazione di questo vaccino, il risultato sarebbe un’ulteriore spinta ad uno dei settori che maggiormente rappresenta la penisola italiana.

La Banca Popolare del Lazio si offre come partner di chiunque intenda investire in questo campo tramite il Prestito Agrario di ANTICIPO PAC.