Il 20 Aprile la Commissione europea ha pubblicato uno studio riguardante i prodotti che condividono la protezione dell’Indicazione geografica.

Poter commercializzare in questo campo comporta una serie di obblighi che garantiscano la qualità e la serietà del lavoro, ma allo stesso tempo è un marchio riconosciuto in tutto il mondo.

Le vendite riguardanti tale nutrito gruppo, che svaria lungo tutto l’agroalimentare comunitario, hanno raggiunto un valore pari a 74,6 miliardi di euro.

Entro tale risultato bisogna circoscrivere un quinto del totale, che è stato destinato ai mercati dei Paesi terzi, mostrando ancora una volta l’incredibile richiesta del Food&Beverage Ue nel mondo.

Fonte: Commissione europea

https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/it/ip_20_683