In un Paese come l’Italia, così legato all’olio di oliva, viene tenuta in secondo piano qualsiasi altra fonte di olio.

Una delle coltivazioni che subisce questa retrocessione, più da parte dell’opinione pubblica che degli operatori dell’agroalimentare, è il colza.

Chi ha avuto, invece, possibilità di coglierne i vantaggi nelle proprie attività, sicuramente conosce le sue possibilità all’interno dell’avvicendamento colturale e il suo utilizzo che arriva fino al mondo dei biocarburanti.

Per questo la ricerca sta lavorando per individuare possibili sviluppi che possano facilitare la coltivazione e sottolineare i punti di forza di questa coltura.

La Banca Popolare del Lazio si offre come partner di chiunque intenda investire nelle ultime possibilità offerte dalla scienza, che continuano ad integrare tradizioni ormai secolari, tramite il Prestito Agrario di ANTICIPO PAC.