Prossimi Eventi

Dal 28 maggio al 5 giugno arriva l’85° edizione della Sagra delle Fragole e della Mostra dei Fiori di Nemi.

Un appuntamento con la tradizione e la genuinità, fatto di eventi culturali, folkloristici e storici.

Questa Sagra è nota in tutta Italia e ha avuto inizio nel 1922, come occasione per celebrare il vanto di Nemi, ovvero, le fragole di bosco.

La cittadina, situata sulle sponde del celebre laghetto vulcanico, viene ornata con composizioni floreali meravigliose, costruite grazie all’esperienza e l’abilità dei fioristi nemesi.

Le fragole vengono distribuite per le vie del Borgo, e sono accompagnate da rievocazioni storiche e danze tipiche del folklore paesano.

La cittadina dei Castelli ha infatti una storia importante, è dimora di antichità e di affascinanti leggende.

Anche le fragole hanno radici storiche antiche ed è proprio sulle rive del lago di Nemi che viene raccolto questo frutto.

Grazie ad un ottimo clima e ad un terreno adatto, la coltura viene fatta senza uso di prodotti fitofarmaceutici.

Ce ne sono due varietà: le fragoline e i fragoloni.

A loro volta le fragoline sono di due specie: quelle cosiddette ‘di stagione’, che fruttificano solo a maggio\giugno e hanno una forma circolare; e quelle rifiorenti, che fruttificano dalla tarda primavera all’autunno e sono di forma allungata. 

Al fianco delle fragoline si coltivano anche le fragole di maggiori dimensioni e la scelta dell’una o dell’altra specie, avviene a seconda della posizione del terreno che il coltivatore possiede.

Sono le donne, le cosiddette “fragolare”, ad avere la mansione di raccolta.

Durante la sagra le “fragolare” sfilano per il paese, indossando l’antico costume tradizionale: gonna rossa, bustino nero, camicetta bianca e “mandrucella” in testa.

Oltre a cortei, concerti, degustazioni e sbandieratori, c’è anche l’immancabile gara di composizione floreale presso il Castello Ruspoli. 

In cui i professionisti, provenienti da tutta Italia, adornano con le loro creazioni alcuni scorci del centro storico.

Il vincitore ha in premio il trofeo “La fragola d’oro”, una piantina di fragole ricoperta d’oro e d’argento, creata dal maestro Luigi Middei.

Un gioiello artigianale che aggiunge la “fragolina sulla torta” a quello che è un evento dal grande impatto visivo ed emotivo.

28 maggio 2018
sagra-fragole-nemi-1

85° edizione della Sagra delle Fragole di Nemi

Dal 28 maggio al 5 giugno arriva l’85° edizione della Sagra delle Fragole e della Mostra dei Fiori di Nemi. Un appuntamento con la tradizione e la genuinità, fatto di eventi culturali, folkloristici e storici. Questa Sagra è nota in […]
25 maggio 2018
piante-officinali

Due decreti approvati dal Consiglio dei ministri

Il 16 Maggio il Mipaaf ha reso pubblico l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri di due nuovi decreti legislativi. Il primo di essi prevede la riorganizzazione di Agea e il riordino del sistema controlli nel settore agroalimentare; sono stati […]
2 febbraio 2018
i-phone-043

Sagra della “Falia e Broccoletti” a Priverno il 24-25 Febbraio

Le feste popolari sono in assoluto la migliore occasione per mettere in luce le ricchezze di un territorio come il Lazio, dove il settore agricolo e quello enogastronomico si contraddistinguono per la loro unicità.   In particolare modo la sagra della […]
2 febbraio 2018
mucche

Provvedimento legislativo per la zootecnia

Aria di cambiamento per il settore zootecnico. È stato approvato, lo scorso 19 gennaio, un provvedimento legislativo che prevede la ristrutturazione del settore zootecnico e in particolare della riproduzione animale, in modo da adeguare la normativa precedente alla disciplina comunitaria. […]
4 gennaio 2018
carote-benefici-salute

Il 2018 sarà l’anno della carota? Il Lazio è pronto

Troppo spesso dimentichiamo la carota e la sua importanza nella nostra alimentazione, un prodotto versatile e gustoso, che sta riscuotendo un nuovo successo con l’aumentare dei consumi salutistici di centrifughe ed estratti. Ma la carota può essere consumata in vari […]
1 dicembre 2017
olive-1

Lazio olivicolo diviso tra nord e sud con Canina e Itrana sugli scudi

di Fabio Ciarla Se per l’ortofrutta si può fare distinzione di prodotto tra nord e sud del Lazio, quando si parla di olivicoltura la differenza la fanno le qualità coltivate, con una grande diffusione di canina nel viterbese e di […]