Ormai da più di dieci giorni sono state diramate nuove restrizioni che hanno coinvolto in prima linea il settore della ristorazione.

Proprio su questo, Ismea ha pubblicato dei primi dati in grado di dare una stima della situazione che si verificherà al termine di questo 2020.

Le proiezioni stabiliscono che i consumi alimentari fuori casa diminuiranno del 48% rispetto al 2019, per una perdita complessiva che rischia di raggiungere i 41 miliardi di euro.

A fare da contraltare, sarà nuovamente un aumento dei consumi della spesa domestica, che potrebbe raggiungere a fine anno un aumento del 7%, corrispondente a oltre 11 miliardi di euro.

Fonte: Ismea