Sono stati analizzati i dati relativi ai primi nove mesi del 2020 relativi a un comparto ben specifico, quello della produzione del miele.

La situazione legata all’emergenza coronavirus ha portato a straordinari cambiamenti della quotidianità in tutta la società, con ovvi ricaschi anche sulla filiera agroalimentare.

Per il miele ciò ha condotto a dei risvolti positivi, con una crescita del 13% nel volume di vendite di tale prodotto rispetto al 2019.

Questo risultato è dovuto sicuramente a un maggiore tempo passato dentro casa. Ad esso si aggiunge una crescita della produzione nazionale per un comparto la cui offerta interna è molto minore rispetto alla domanda.

Fonte: Ismea